Cercare su toelzer-land.de

Pellegrinaggi a cavallo in onore di San Leonardo

San Leonardo nel Tölzer Land

I pellegrinaggi in onore di San Leonardo sono una parte integrante della vita rurale del Tölzer Land.

San Leonardo è molto venerato come patrono dei prigionieri e soprattutto degli animali (domestici). Leonardo di Limoges, (ca. 500 d.C.), detto anche Leonardo di Noblat, nacque nel regno franco come figlio di una famiglia nobile e fu educato alla corte dei Merovingi. Secondo una biografia scritta nell’XI secolo, fu battezzato ed educato dall’arcivescovo Remigio di Reims (440-534). Spinto dalla compassione, il giovane Leonardo visitava regolarmente i prigionieri e riuscì a ottenerne la liberazione dal Re Clodoveo I. Successivamente rifiutò l’offerta di diventare arcivescovo per ritirarsi come eremita nel bosco di Limoges. Da qui cominciò a predicare per i malati e per i bisognosi. La leggenda racconta che fu grazie alla preghiera a San Leonardo o grazie ai suffragi a lui rivolti sia prima che dopo la sua morte, che le catene di molti prigionieri si ruppero come per miracolo. Il suo giorno di commemorazione è il 6 novembre.

A partire dal XI secolo San Leonardo fu particolarmente venerato nella vecchia Baviera dove era considerato il santo ausiliatore, il patrono e l’intercessore del bestiame e soprattutto dei cavalli.

• È particolarmente famosa la processione di San Leonardo a Bad Tölz, la più grande processione in onore di San Leonardo dell’Alta Baviera e uno dei più bei pellegrinaggi a cavallo della Germania che ogni anno affascina decine di migliaia di spettatori. In onore del santo patrono del bestiame San Leonardo il 6 novembre nelle prime ore del mattino oltre 70 carri a quattro cavalli decorati a festa e diverse centinaia di cavalli con molti partecipanti vestiti nel vecchio costume si presentano nel quartiere curativo. Sfilano in un ordine precisamente stabilito per la Marktstraße su per il Kalvarienberg alla cappella di San Leonardo, dove ha luogo una messa con benedizione dei partecipanti, per poi tornare nella Marktstraße dopo aver fatto un doppio giro intorno alla cappella costruita nel 1718. Al ritorno ripassano al galoppo per la Markstraße fiancheggiata dalle case borghesi adornate di “Luftmalerei” (pittura d’aria) in direzione Mühlfeldkirche. Inoltre i ʺGoaßlschnalzerʺ schioccano le loro fruste e segnalano ad alta voce che la processione di San Leonardo è stata portata a termine bene.

• Meno turistica, ma non meno festosa è l’atmosfera a Benediktbeuern. Anche in questo villaggio con monastero ogni anno a novembre ha luogo la benedizione dei cavalli di contadini, contadine e associazioni in abito da cerimonia. Il 3 novembre 2013 inizia il pellegrinaggio in onore di S. Leonardo con ca. carri e ca. 250 cavalli dal centro del villaggio verso il cortile del monastero di Benediktbeuern, dove nella basilica alle ore 10:00 si tiene una messa per i pellegrini. Dopo la messa, i pellegrini ritornano sulla piazza del villaggio passando per il quartiere Pechlern e proseguendo per la Bundesstraße. Infine il tradizionale ʺGoaßlschnalznʺ (schiocco delle fruste) e la sera il tradizionale ballo nella sala della posta.

Altre processioni di San Leonardo sono a:
Bad Heilbrunn, Oberbuchen, ore 13:00
Lenggries, Cappella di Dionisio presso Hohenburg
Wackersberg, Pestkapelle
Anche d’estate hanno luogo pellegrinaggi a cavallo con benedizione finale dei cavalli in onore di San Leonardo:
Egling, Cappella a Harmating, 1. sabato di luglio. A Egling si tiene anche la processione di Pentecoste a Dettenhausen (lunedì di Pentecoste, dalle ore 13:00).
Dietramszell, Leonhardikirche, 3. sabato di luglio, dove per ʺLehardsʺ, come viene chiamata la festa di S. Leonardo in dialetto, ci sono anche un tendone della birra, banchi di mercato e dondoli a forma di barca per i bambini. A Dietramszell/Ascholding il Lunedi di Pasqua dalle ore 13:00 si tiene la tradizione processione a cavallo in onore di San Giorgio.
 

Tölzer Land Tourismus
Prof.-Max-Lange-Platz 1
83646 Bad Tölz
Tel: +49(8041)505-206
Fax: +49(8041)505-375
E-mail: info@toelzer-land.de

Gefördert durch das Bayerische Staatsministerium für Ernährung, Landwirtschaft und Forsten und den Europäischen Landwirtschaftsfonds für die Entwicklung des ländlichen Raumes (ELER)